Salve a tutti, mi chiamo Felicia, ho 31 anni e sono affetta da endometriosi!


A circa 17 anni ho cominciato ad accusare i primi veri dolori durante il

ciclo. In "quei giorni" ero praticamente un vegetale, avevo, oltre ai forti

dolori, vomito e una fortissima nausea, tanto da digiunare per due o tre giorni!

A 20 anni continuavo a star male anche durante l'ovulazione. Il tutto era

accompagnato anche da forti dolori intestinali e dissenteria e i miei

genitori decisero di portarmi per la prima volta da un ginecologo per

cercare di capire cosa non andava. Ovviamente il dott. disse che ero

perfettamente sana e che si trattava solo di sindrome premestruale un po'

più accentuata e che era solo questione di stress. Intanto gli anni passano

e io continuo a stare male e a dimagrire, arrivai a pesare 40 chili! Così

decisi di cambiare ginecologo, tra le mani mi era capitata una rivista che

appunto parlava dell'endometriosi in maniera abbastanza dettagliata e mi

ero ritrovata nell'elenco dei sintomi. Decido di parlarne con il ginecologo

ma sento rispondermi che il problema era solo nella mia testa e che appunto

mi diagnosticavo malattie che non mi appartenevano e  avevo bisogno di uno

psicologo anziché di un ginecologo.

Il medico curante intanto mi prescrisse un ansiolitico e dallo psicologo mi

ci portarono per davvero!Finì anch'io per convincermi che era solo una

forte ansia e stress e che i miei problemi intestinali erano di origine

psicosomatica e che soffrivo di disturbi alimentari!

Ormai amici, parenti mi davano della pazza, della depressa, quasi ad avere pietà di me!

Gli anni passano e nel 2008 improvvisamente i dolori mestruali cominciarono

a diventare quotidiani tanto da essere costretta a lasciare il lavoro. Ero

sempre stanca,stremata e dolorante e la cosa più assurda è che nessuno mi credeva!

Mi rivolsi al terzo ginecologo... Ricordo ancora le sue parole; mentre

eseguiva l'ecografia, mi disse che ero una donna "eroica"! Non riuscivo

ancora a capire il perché di questa frase, ma dentro di me sentivo che  era

la persona giusta che poteva davvero aiutarmi a capire cosa avevo. Mi trovò

due cisti: una nell'ovaio di sinistra di 5 cm e l'altra nell'ovaio di

destra di 4 centimetri. Decise subito di intervenire con una laparoscopia,

perché i dolori erano diventati insopportabili. Nel gennaio 2009 finalmente

il fatidico intervento. Ripresi in mano la mia vita, ricominciai a

lavorare, ad uscire con gli amici. Questo benessere è durato solo due anni;

ben presto, nel 2011, ricominciarono nuovamente i dolori,la dissenteria e i

dolori intestinali, nonostante fossi in cura con la pillola

anticoncezionale. Ritornai dal ginecologo con i miei dubbi, mi rassicurò

dicendo che ero pulita, non c'era traccia di endo ma che poteva trattarsi

molto probabilmente del morbo di Crohn e quindi di consultare un

gastroenterologo. Decisi di sentire un altro parere: mi rivolsi ad un altro

ginecologo del mio paese. Anche lui non vedeva nulla che non andava e mi

prescrisse il decapeptyl per sei mesi e sintomi magicamente scomparsi!Dopo

circa 40 giorni dall'ultima iniezione mi ritornò il ciclo, più aggressivo

di prima, tanto da finire al pronto soccorso! Mi ricoverano, mi

effettuarono una tac dove non videro assolutamente nulla e mi rispedirono a

casa senza alcuna terapia trattandomi quasi come fossi una malata immaginaria.

Intanto rimasi sei mesi senza terapia perché appunto il ginecologo non

riteneva opportuno darmi nemmeno la pillola e passai sei mesi infernali tra

febbre altissima durante il ciclo, ricoveri, corse al pronto soccorso,

dolori allucinanti, vomito e nausea perenne. Sempre più avvilita e stanca,

decisi di  prendere la situazione in mano e di consultare dei ginecologi

esperti di endometriosi, ma fuori dalla mia regione,fuori dalla puglia!

Insomma, dopo averne girati tre diversi, approdo a Negrar nell'Aprile 2014

dove finalmente ho una diagnosi:sospetta adenomiosi, endometrioma

nell'ovaio, nodulo al setto retto vaginale e varie aderenze.
Attualmente sono in cura con primolut,non ho il ciclo da 19 mesi e sto

molto meglio, i dolori si sono ridotti, anche se spesso sono presenti.

Inoltre ho scoperto di avere intolleranze varie, una ciste nei reni,

colecisti ipertonica, reflusso biliare, gastrite ed ernia iatale. Ho grossi

problemi ad alimentarmi normalmente, eseguo una dieta molto rigida e

ristretta, ma tutto questo non mi ha impedito di sorridere e di trovare la

forza di andare avanti! Anzi, credo di essere fortunata perché è solo

grazie all'endometriosi che sto scoprendo il vero valore delle piccole cose

a cui prima non davo nessuna importanza. È solo grazie al dolore che si ha

una visione diversa delle cose e della vita!
Felicia